Carrelli Abbandonati Ecommerce

Carrelli abbandonati: il vero e proprio incubo per qualsiasi E-Commerce! Ma quali sono le principali cause di abbandono?

I carrelli abbandonati sono il vero e proprio incubo di qualsiasi E-Commerce, infatti, ben il 69% dei carrelli viene abbandonato prima di concludere l’acquisto. Un dato così significativo ci impone un’attenta e scrupolosa analisi su questo fenomeno sempre così diffuso che se analizzato bene permette diverse azioni di retargeting.

Tra le principali cause dell’abbandono di un carrello rientrano:

Poca chiarezza delle informazioni

La completezza della scheda prodotto per un E-Commerce è fondamentale. Ci sono alcune informazioni che non dovrebbero mai mancare come ad esempio: metodi di pagamento, spese di spedizione, tempi di consegna, condizioni di reso.

Checkout troppo lungo

Il checkout breve, il cosiddetto “one page checkout”, ha sicuramente la meglio rispetto a pagine e pagine di informazione da riempire prima di concludere un acquisto. Le informazioni richieste devono essere strettamente necessarie ai fini dell’acquisto in modo da evitare all’utente un’eccessiva ed inutile perdita di tempo.

Registrazione in fase di acquisto

Molto spesso l’obbligo di registrarsi al primo acquisto induce ad abbandonare il carrello. Sarebbe utile lasciare all’utente la possibilità di scegliere. Normalmente al primo acquisto il cliente potrebbe non registrarsi ma, se apprezza il servizio, deciderà di tornare sul sito e magari sceglierà di registrarsi per il suo secondo ordine. In ogni caso, qualora si decidesse di optare per l’inserimento della registrazione nella procedura di checkout, c’è la possibilità di inserirla dopo che l’utente ha già effettuato l’ordine.

Carrelli Abbandonati Ecommerce

Salvataggio del carrello

Spesso si salva nel carrello i prodotti per verificare il prezzo finale con le spese di spedizione e quindi valutare solo successivamente se completare l’ordine o meno e per questo è sempre bene essere chiari e fornire tutte le informazioni possibili. Oppure molte persone si limitano ad aggiungere il prodotto nel carrello come promemoria, perché in quel momento non possono acquistarlo per svariati motivi e quindi non possono completare immediatamente il checkout. Tuttavia esistono degli accorgimenti che consentono di aumentare la possibilità che gli utenti si ricordino di acquistare successivamente dallo stesso sito ritornando sui carrelli abbandonati precedentemente, sia spontaneamente che con la messa in atto di apposite azioni di retargeting.

Sito non responsive

Visto che ormai la maggior parte degli acquisti viene effettuata da dispositivi mobili, l’abbandono del carrello è assicurato se l’utente incontra difficoltà nella visualizzazione del sito. Inoltre l’abbandono può derivare anche dai tempi di attesa troppo lunghi per il caricamento delle pagine e in questo caso sarà difficile che l’utente decida di ritornare a visitare il vostro sito.

Assenza di Live Chat

E’ stato comprovato come la presenza di un supporto di live chat abbia incrementato la fiducia verso il brand e le vendite sul sito. L’introduzione di questo strumento serve a rassicurare gli utenti in fase di acquisto, anche se non chiederanno un’assistenza diretta, si sentono agevolati nel completare la procedura di checkout e finalizzare l’acquisto riducendo così la percentuale di carrelli abbandonati.

Potrebbe interessarti anche

promesse-ecommerce-italiano

Le promesse dell’Ecommerce italiano mantenute nel 2018

Ecommerce italiano: mantenute le promesse di crescita per il 2018. L’acquisto online in Italia cresce a ritmi elevati, arrivando ad un business da oltre 27 miliardi di euro, di cui 15 miliardi provengono dalla vendita di prodotti e 12 miliardi dalla ve…

Leggi ora
reputazione-online

Reputazione Online: impatto dei canali e dei social sulla reputazione aziendale

La reputazione online è diventata ormai un aspetto indispensabile nella strategia di business di un’azienda. Attraverso i canali di comunicazione e i social network puoi creare valore per i tuoi clienti e avvicinarli al tuo brand. Interazione, engageme…

Leggi ora
online-personalization

Online personalization: l’importanza di differenziarsi online!

Online personalization, cosa intendiamo con questo concetto? In un contesto sempre più competitivo come quello dell’E-Commerce è importante differenziarsi dagli altri e attirare l’attenzione dei propri clienti. Con l’online personalization è possibile…

Leggi ora
user-generated-content

User generated content: partire dai contenuti degli utenti per fare marketing!

Il direct marketing spesso suscita diffidenza tra gli utenti e per questo molti brand si sono avvicinati al concetto di user generated content, ovvero sfruttare i contenuti espressi dagli utenti sul brand che generano fiducia e permettono di superare l…

Leggi ora
admin

About admin