Export Italia: l’E-Commerce rappresenta una vera e propria opportunità

Una buona notizia per l’ export Italia! Secondo una previsione di NetComm quest’anno l’E-Commerce italiano potrebbe valere 23,4 miliardi di euro nel 2017, con una crescita del 19% rispetto al 2016.

La stima si basa sull’andamento di vari settori merceologici nel corso dell’anno passato che conferma la predominanza del Turismo ma che vede l’affermarsi dell’Abbigliamento che guadagna il 10% del mercato. Roberto Liscia, presidente di NetComm, uno dei forum ecommerce più affermati, ha sottolineato che in Europa vestiti, scarpe, accessori mettono in moto circa 60 miliardi di euro. «In questo quadro il Fashion ha il merito di aver creato il concetto di multicanalità, se è vero che ormai il 6% delle vendite è digitale, mentre il 68% delle vendite in negozio è influenzato dalla navigazione on line».

L’export italia cresce, l’Italia dunque cresce, ma secondo Liscia ancora non abbastanza. «Siamo arrivati a 21 milioni di acquirenti on line, con uno scarto di dieci milioni sui 31 milioni di italiani che navigano in Internet. La spesa media? 1.000 euro all’anno contro i 1.500 euro della media europea. Un dato interessante è la discrepanza tra la crescita del valore di mercato in tre anni, 37%, e l’incremento di consumatori on line nello stesso periodo di tempo, pari al 26%: la differenza sta a significare che gli utenti hanno acquistato di più e con scontrini più elevati». Aumentano anche le famiglie che comprano on line: nel 2014 erano 9,5 milioni, ora sono 12,2 milioni.

Export Italia Ecommerce - X4ManS

Uno degli elementi che fanno rimanere l’Italia drasticamente indietro rispetto ai mercati più evoluti è la logistica. Nella Penisola solo il 7% degli oggetti acquistati in Rete viene ritirato in appositi hub, mentre in UK, per esempio, si arriva ormai al 25%. «Ma ci aspettiamo un cambiamento consistente nel breve termine», precisa Liscia, «confortato anche dalle nuove abitudini in fatto di pagamenti. Se l’Italia si contraddistingue ancora per essere una delle pochissime piazze in cui gli operatori internazionali prevedono il contrassegno, si sta registrando comunque una contrazione del 50% del ritiro merce in contanti».

Il futuro sarà sicuramente all’insegna del mobile e del concetto “everywhere shopper”. L’export italia rappresenta una grande opportunità per l’E-Commerce nelle nostra penisola, a patto che si realizzi un vero Digital Single Market a livello comunitario – e Netcomm, anche grazie al tavolo Ecommerce Europe fondato insieme agli altri consorzi nazionali, sta facendo attività di lobbying in questa direzione – con regole omogenee che aiutino specialmente le imprese più piccole. Tutti questi temi saranno approfonditi in occasione del forum ecommerce Netcomm 2017 che quest’anno si terrà a Milano il 10 e l’11 Maggio.

Potrebbe interessarti anche

mobile-e-commerce

Mobile E-Commerce: tendenze del 2018!

Il mobile E-Commerce è sempre più di tendenza e tutti i servizi di vendita online devono adeguarsi alle esigenze dei clienti. In Europa, se da una parte cresce il commercio elettronico grazie all’innovazione dei servizi logistici, dall’altra il commerc…

Leggi ora
zara-negozio-omnichannel

Negozio Omnichannel: Zara reale e virtuale sotto lo stesso tetto

Zara, il famoso marchio fast fashion spagnolo, apre un nuovo capitolo nel settore della vendita online e nel mondo del fashion retail in generale. La casa di moda spagnola ha aperto uno spazio di 200 metri quadri interamente dedicato agli acquisti onli…

Leggi ora
spedizione-online

Spedizione online: attenzione agli errori da evitare!

Attenzione alla spedizione online! Le ultime ricerche dimostrano che gli utenti prestano molta attenzione alle condizioni di consegna e spedizione online, in particolare per i tempi di transito e i costi. I dati emersi aiutano a capire quanto questi as…

Leggi ora
fast-fashion-ecommerce

Fast Fashion: i siti E-Commerce battono i brand di lusso

Secondo una ricerca condotta da SEMrush e pubblicata da Wwd, i siti e-commerce del Fast Fashion hanno ottenuto nel 2017 un maggior traffico rispetto alle grandi firme della moda. H&M, Asos e Zara occupano rispettivamente i primi tre posti della cla…

Leggi ora
admin

About admin