brand-ecommerce-marketplace

Marketplace vs. Direct E-Commerce: vantaggi e svantaggi

Per scegliere se cominciare a vendere su un marketplace oppure sviluppare un proprio negozio online cominciamo a guardare alcuni dati sul mondo dell’E-Commerce.

Secondo le ultime statistiche effettuate dalle principali società di ricerca, in Italia si stima che il valore dell’e-commerce sfiora i 20 miliardi di euro, dato che risulta essere in continua crescita mettendo così in evidenza le potenzialità di aumento delle vendite per ogni attività, con particolare focus per i negozi di abbigliamento e accessori.

L’idea della divisione tra retail e shop on-line non ha più senso di esistere: le piccole attività investono per avere un proprio E-Commerce, mentre chi ha scelto inizialmente come business principale la vendita online decide di aprire un punto di vendita “fisico”.

Il passo successivo per le aziende che decidono di investire nell’online è quello di comprendere se conviene vendere i propri prodotti tramite una propria piattaforma personalizzata oppure tramite marketplace (Amazon, Ebay, Spartoo).

Fino a qualche anno fa, soprattutto in Italia, la vendita online era limitata per lo più ai soli E-Commerce o in alternativa ai siti di aste online, come eBay. Il marketplace era ancora un mondo quasi sconosciuto.

La tendenza si è evoluta e i marketplace riscontrano un discreto successo tra gli acquirenti che si sentono “tutelati” sia  nella sicurezza del trattamento dei dati sia nella certezza della transazione, anche se questo resta solo una percezione e non una garanzia.

Marketplace vs. Brand E-Commerce -x4mans

Vediamo quali sono i vantaggi, ma anche gli svantaggi, di vendere attraverso queste piattaforme.

Vendere sui marketplace: vantaggi

I marketplace più famosi (Amazon e E-Bay) vengono visitati giornalmente da un pubblico sempre più vasto e si traducono in una possibilità di farsi conoscere più velocemente.

La loro struttura ormai testata e standardizzata mette in un ambiente sicuro e pratico utenti e venditori.

Questo porta un vantaggio anche per il venditore, che non deve far altro che caricare i prodotti nella piattaforma, mentre gli aspetti più tecnici sono gestiti direttamente dal marketplace.

Inoltre coloro che sono presenti sui marketplace generano all’estero il 17% del fatturato, contro il 4% di chi non utilizza questo canale, la fonte di questo dato è fornita da una ricerca di Casaleggio Associati, tra le attività che vendono all’estero con un sito non tradotto.

Vendere sui marketplace: svantaggi

La concorrenza sul marketplace è più vicina, si rischia molto spesso di essere oscurati dal brand più noto che propone una gamma più vasta di prodotti (es. taglie e colori) ad un prezzo più concorrenziale, inevitabilmente la maggior parte dei clienti acquisteranno da un venditore che si posizione in cima alla BuyBox (es.Amazon).

Non si ha il completo controllo su tutte le informazioni relative al cliente. E’ vero che su queste piattaforme si possono vendere i propri prodotti nel breve termine, ma è molto più difficile acquisire le informazioni del cliente per attuare campagne promozionali riservate tramite social media o tramite newsletter.

Occorre fare molta attenzione anche ai costi fissi o variabili che i marketplace possono applicare, nel caso in cui la percentuale richiesta è relativa solo alla vendita di norma sono più elevate quindi bisogna considerare se i margini non risultano essere troppo bassi.

Perché scegliere un proprio E-Commerce?

Partendo dalle precedenti considerazioni qui di seguito riportiamo i punti che aiutano a comprendere che aprire un proprio E-Commerce porta più vantaggi nel lungo termine:

  • Inserimento di tutti i prodotti che si desidera (i marketplace possono porre limiti)
  • Promuovere il brand
  • Programmare campagne mirate di marketing e promozioni
  • Molteplici possibilità di personalizzazione
  • Raccolta di dati e di informazioni sui propri clienti
  • Possibilità di monitoraggio continuo per implementare nuove strategie

In conclusione i marketplace sono un’ottima soluzione per incrementare la visibilità e, per le piccole attività affacciarsi per la prima volta all’esperienza della vendita online; tuttavia per una strategia a lungo termine avere un proprio E-Commerce è assolutamente fondamentale.

Le due soluzioni non devono essere viste come in contrasto tra loro, anzi per molti aspetti sono complementari. La possibilità di integrare il proprio E-Commerce con la presenza su marketplace aumenta notevolmente la possibilità di essere presente sul mercato e di far conoscere con più canali possibili il proprio brand.

Potrebbe interessarti anche

mobile-e-commerce

Mobile E-Commerce: tendenze del 2018!

Il mobile E-Commerce è sempre più di tendenza e tutti i servizi di vendita online devono adeguarsi alle esigenze dei clienti. In Europa, se da una parte cresce il commercio elettronico grazie all’innovazione dei servizi logistici, dall’altra il commerc…

Leggi ora
per-incentivare-acquisti-online-trigger

Il trigger di successo per incentivare gli acquisti online

Per incentivare gli acquisti online è fondamentale attivare il meccanismo dei “triggers”: una sorta di “grilletto” che, azionandosi in maniera automatica nel momento più opportuno, invia messaggi miratissimi ad utenti selezionati. Il recapito risulta p…

Leggi ora
zara-negozio-omnichannel

Negozio Omnichannel: Zara reale e virtuale sotto lo stesso tetto

Zara, il famoso marchio fast fashion spagnolo, apre un nuovo capitolo nel settore della vendita online e nel mondo del fashion retail in generale. La casa di moda spagnola ha aperto uno spazio di 200 metri quadri interamente dedicato agli acquisti onli…

Leggi ora
mail-marketing

Mail Marketing: come la Newsletter influenza gli italiani

Gli ultimi dati delineano l’approccio degli italiani verso le comunicazioni che ricevono via mail. Il Mail Marketing è una pratica sempre più diffusa, basti pensare che solo in Italia si inviano più di 240 milioni di Newsletter commerciali. Quali sono…

Leggi ora
admin

About admin